Qual è la parte più importante di una storia di successo?

Qual è la parte più importante di una storia di successo? La parte più importante di una storia di successo è l’apertura, quando devi  conquistare il tuo pubblico. Una buona apertura della storia deve creare empatia immediata e immedesimazione con il personaggio principale.

In una storia quando introduci il protagonista devi creare subito una forte connessione psicologica ed emotiva tra la persona protagonista e il tuo pubblico, perché il to pubblico deve sperimentare l’emozione attraverso di lui. Così come quando si scrive una storia quando si racconta uno dei momenti in cui la storia ci cattura è all’inizio.

Ricordati che all’inizio il pubblico non conosce niente della storia, è tutto nuovo e quindi il pubblico da queste prime cose che vengono dette si rende conto se questa storia può piacere oppure no. Si dà la prima impressione che è quella che conta, se l’inizio non funziona probabilmente non funzionerà neanche dopo. Intanto mi presento e poi racconto la storia. Io sono questo ti interessa oppure no?

La storia all’inizio ha fascino, se parti con una bella impressione poi è più facile. Prima di tutto la storia deve piacere a te, se non piace a te agli altri non piacerà, non bisogna essere ipercritici e cercare la perfezione, ma neanche non sapere cosa dire. Come si può fare in modo che una storia piaccia agli altri e a noi? Creando un mondo fisico che piaccia agli altri e a noi. E come si fa? Si fa attraverso lo scrivere e raccontare la storia con parole reali e sensazioni reali, raccontare cose che accadono, allora diventa appassionante e interessante.

Se non parli di fatti concreti parli di tutto e quindi è come parlare di niente, la scelta di quello su cui si pone l’attenzione fa la differenza.

Immagina che la scena di apertura mette in evidenza la vita quotidiana dell’eroe, prima che accada qualsiasi evento straordinario, questo è il punto di partenza dell’eroe. Alla fine della storia ci sarà di nuovo l’eroe questa volta dopo aver completato il suo viaggio.

All’inizio della storia se vuoi fare vedere la trasformazione dell’eroe, egli deve avere un desiderio di ottenere qualcosa, ma non sta facendo niente per ottenerlo e si accontenta di una vita emotivamente sicura, ma senza passione, rischio e soddisfazione. L’eroe sta vivendo con una corazza emotiva, che abbiamo tutti per proteggerci, quindi si presenta al mondo in modo falso per evitare di essere vulnerabile.

L’eroe all’inizio è bloccato, vive in un mondo ordinario, spesso in questo mondo ordinario qualcosa non va, nella sua vita, intorno a lui, nella sua famiglia, città, paese. A questo punto c’è il richiamo a qualcosa che induce l’eroe ad abbandonare il suo mondo, così l’eroe passa dal mondo ordinario al mondo speciale dell’avventura. Di solito l’eroe tende ad avere delle esitazioni perché passare da ciò che conosciamo a ciò che ci è ignoto non è facile.

Italo Cillo all’inizio è bloccato perché fa 10000 lavori che non vede l’ora di finire e quindi non può avere successo, svolge dei lavori che non lo soddisfano.

Quindi l’introduzione deve terminare con qualcosa che creerà nell’eroe un desiderio di muoversi in qualche nuova situazione.

Questa introduzione del tuo eroe e della sua vita quotidiana non devono prendere dieci pagine o dieci minuti, spesso possono essere compiuti in poche frasi. Altrimenti il tuo pubblico non riuscirà ad entrare nella vita del tuo eroe prima che inizi il suo viaggio.

Se non c’è una connessione emotiva tra il pubblico ed il personaggio la storia non sarà molto interessante.

Ci sono racconti che appassioneranno il tuo pubblico altri invece no.

Il pubblico decide se una storia è vera oppure no, il pubblico deve immedesimarsi nella storia, si deve creare la sospensione dell’incredulità. La storia deve creare un alto valore emotivo e deve essere credibile anche nelle emozioni non solo in quello che accade.

Non è detto che il pubblico sia pronto ad appassionarsi a qualunque storia. Quando scrivi o racconti la tua storia devi avere chiaro in mente cha a qualcuno non piacerà, questa è la bellezza non sai a chi piacerà.

Soprattutto una storia ci interessa davvero quando ci tocca in qualche punto, non è detto che il tuo pubblico sia pronto a appassionarsi a qualsiasi storia. Una storia deve avere un contenuto che in quel momento una persona sta elaborando, o che risuona sui suoi valori esistenziali, trovare delle risposte su sé stesso.

La tua storia deve creare un legame con un cliente, lo deve far riflettere, deve creare un coinvolgimento tra chi legge/ascolta e chi scrive/racconta. Il racconto può essere scritto, ma anche orale. Ci sono persone che preferiscono la forma scritta, altri preferiscono l’ascolto.

Una storia ci interessa solitamente quando ci tocca in qualche punto. Le grandi storie ci interessano perché toccano un po’ tutti, solitamente hanno grandi temi.

All’inizio devi decidere il tono emozionale del tuo racconto, qual è l’intento della tua storia? Una storia può placare o incendiare il cuore delle persone, commuovere o portare gioia.

Per concludere come deve reagire il tuo pubblico alla tua storia? Quali sono le emozioni che vuoi che il tuo pubblico provi all’inizio? Gioia, rabbia, sorpresa, paura tristezza, amore, odio, entusiasmo. Cerca le emozioni più adatte per trasmettere il tuo messaggio. Queste emozioni renderanno la tua comunicazione convincente e persuasiva.

Se ti è piaciuto il post lo puoi condividere su Face Book,

un abbraccio,

Elena

 

Commento

La tua email non sarà pubblicata.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Informativa sulla Cookie Privacy di questo Sito

Questo sito o gli strumenti terzi che utilizza si avvalgono, oltre che di cookie tecnici necessari al corretto funzionamento, di cookie di tracciamento utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Per i dettagli consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo la pagina, cliccando sulla pagina o proseguendo la navigazione in altra maniera, dichiari di acconsentire all’uso dei cookie nei termini espressi.

Questo campo è obbligatorio
Immettere un indirizzo e-mail valido
Spuntare questa casella per proseguire
Selezionare un valore dall'elenco